Mercoledì 27 gennaio 2021

Raddoppio ferrovia: adottata la variante puntuale

Versione stampabileInvia per emailVersione PDF
Sabato 28 Dicembre 2013

Il consiglio comunale di Serravalle Pistoiese ha adottato, ieri sera, la Variante puntuale al regolamento urbanistico, variante necessaria per l’adeguamento cartografico al progetto regionale del raddoppio della ferrovia. L’annoso percorso di questa importante opera e le modifiche progettuali e attuative che la Regione Toscana ha deciso, sono state sintetizzate dall’assessore ai lavori pubblici di Serravalle Pistoiese, Luca Santucci: “Da tre progetti si passa ad un unico progetto, realizzato in tre stralci – ha detto – nel primo di essi, a Masotti, è previsto, l’abbattimento del passaggio a livello in via Quattro Querci e la successiva apertura di un sottopassaggio che sbuca alla Cantine Giannini”.

 
Per l’avvio dei lavori: “E’ però necessario adeguare la cartografia originaria al nuovo progetto della Regione, in mancanza del quale il percorso attuativo dell’opera sarebbe frenato – ha spiegato il sindaco Patrizio Mungai che ha anche chiarito - Si tratta di una variante puntuale, che si focalizza solo su questa modifica cartografica, se da una parte non si interviene sul Ruc nel suo complesso – ha puntualizzato Mungai – dall’altra consentiamo alla Regione di proseguire nella realizzazione di un’importante opera per la comunità” ha concluso il sindaco. Così, con voto favorevole della maggioranza, contrario del gruppo PdL e l’astensione di Serravalle Futura, la variante cartografica è stata approvata. Tuttavia, sia il capogruppo Roberto Bardelli (PdL) sia il consigliere di Serravalle Futura Gianni Manigrasso, che è anche il presidente della Commissione Urbanistica, pur ribadendo la loro posizione favorevole al raddoppio della ferrovia, hanno motivato il mancato voto favorevole dei loro gruppi al poco tempo a disposizione per approfondire la variante cartografica. “Durante la commissione urbanistica – ha sottolineato Bardelli – ci sono state consegnate due cartine mentre altro materiale nei giorni successivi, quando non avevamo più l’opportunità di chiedere ai tecnici, che sarebbe stato bene farli presenziare al consiglio di stasera”.

Alle accuse ha risposto il sindaco Mungai: “Potevate sollecitare un’ulteriore commissione e i tecnici sono stati sempre a vostra disposizione per tutti i chiarimenti, anche fuori della commissione”.

 
Unanimità del consiglio per l’approvazione dell’ordine del giorno in tutela del made in Italy agroalimentare, provvedimento sollecitato da Coldiretti che, su suggerimento del capogruppo di Serravalle Futura, Federico Gorbi, sarà inviato ai parlamentari eletti nelle nostre circoscrizioni al Parlamento Europeo e che si candideranno alle elezioni del prossimo anno.

 
Serravalle Pistoiese, 28 dicembre 2013