Giovedì 16 luglio 2020

Teatro Francini: stagione 2013. Otto appuntamenti da non perdere

Versione stampabileInvia per emailVersione PDF
Locandina stagione teatrale 2013

La stagione di prosa 2013 del Teatro Francini di Casalguidi conferma la stretta collaborazione tra il Comune di Serravalle Pistoiese e l’Associazione Teatrale Pistoiese che in questi anni, grazie all’impegno costantemente rinnovato da parte dell’Assessorato alla Cultura guidato da Simona Querci, ha consentito di offrire occasioni di intrattenimento di qualità, calibrate da Saverio Barsanti per le specifiche caratteristiche della piccola sala di Casalguidi, che ha conquistato il suo ruolo all’interno della programmazione teatrale della provincia.
Il cartellone, tra gennaio ad aprile, prevede anche quest’anno otto appuntamenti (quattro serali e quattro, in orario scolastico, per scuole materne, elementari e medie), all’insegna della varietà e dell’intreccio dei vari linguaggi dello spettacolo – teatro civile, musica, comicità d’autore –con l’obiettivo di attrarre un pubblico assai eterogeneo per generazione ed interessi.

Anche per quest’anno rimangono invariati i prezzi dei biglietti:
-11,00 per gli spettacoli serali
-5,00 per quelli dei bambini.

La prevendita di effettua a partire dal lunedì precedente la data dello spettacolo presso la Biblioteca Eden di Casalguidi (0573 - 917414 biblioteca@comune.serravalle-pistoiese.pt.it) e la biglietteria del Teatro Manzoni di Pistoia (0573 991609 27112 www.teatridipistoia.it).

 
STAGIONE DI PROSA 2013

Sabato 26 Gennaio, ore 21                            
Fondazione Terre Medicee

NON C’È MAI SILENZIO
La strage della stazione di Viareggio
di e con Elisabetta Salvatori con Matteo Ceramelli al violino e chitarra
Prevendita da Lunedì 21 Gennaio

La stagione si apre sabato 26 gennaio (alle ore 21), in occasione della“Giornata della Memoria”, con Non c’è mai silenzio, l’intensa orazione civile che Elisabetta Salvatori, artista versiliese di straordinaria sensibilità e raffinata affabulatrice (già ospite del Francini con Viola e Vi abbraccio tutti), ha dedicato, nella sua ultima fatica teatrale di recente debutto, al ricordo dei tragici eventi della strage del treno di Viareggio del 2009. La accompagna in questo spettacolo, (commissionatole direttamente dall’Associazione di ferrovieri e cittadini “29 giugno” e dall’Associazione dei parenti delle vittime), Matteo Ceramelli al violino e alla chitarra.
“Raccontare questa storia –spiega Elisabetta Salvatori–è stato come entrare nella case di via Ponchielli, poco prima delle 23.50 del 29 giugno 2009. Ho cercato di raccontare la poesia che c'è nella vita di tutti i giorni, e forse per questo, nonostante l'argomento, non è una storia triste. Mi pareva che la tristezza non onorasse la memoria di quelle 32 vittime. Di loro racconto la vita, e dopo di loro la storia di un treno che correva troppo forte… Viareggio non è solo una terra di vacanze e carnevale: sono figli di calafati, conoscono il pericolo: hanno domato il mare quando non c'erano le previsioni del tempo, quando si guardava il cielo per partire. Hanno principi solidi, perché sono abituati alla precarietà della sabbia che scivola sotto i piedi. Non c'è silenzioracconta un po’ anche questo spirito di Viareggio. Città ferita, ma che ha saputo trasformare il dolore in forza, non è ferma ad aspettare i tempi della giustizia: si muove, si unisce ad altre realtà, denuncia e non permette che su questa vicenda cali il silenzio”

Venerdì 22 Febbraio, ore 21                            
Mismaonda

FUORI TEMPO
di e con Banda Osiris
Prevendita da Lunedì 18 Febbraio
Il secondo appuntamento è in programma Venerdì 22 Febbraio (ore 21) con lo spettacolo Fuori tempo presentato dai quattro scatenati componenti della Banda Osiris, che verrà proposto nella mattinata (ore 10,30) anche agli studenti delle scuole medie inferiori in una versione appositamente adattata.

La Banda Osiris(Sandro Berti/mandolino, violino, trombone; Gianluigi Carlone/voce, sax)
Roberto Carlone/trombone, pianoforte; Giancarlo Macrì/percussioni, batteria, bassotuba) è una formazione che ha ormai assunto la condizione di ‘classico’, incantando diverse generazioni per originalità, fantasia e vitalità. Dopo trent’anni di esistenza, sostenuti da un professionalità rigorosa, questi musicisti, attori, cantanti, mimi e ballerini, mantengono inalterata la creatività e freschezza dei primi tempi. Beethoven e il mondo della canzone pop si mischiano nello spettacolo in un costante, inarrestabile processo di assimilazione e riproposizione dove dominano la follia, la comicità, il calembour verbale e visivo. La bravura di questi musicisti, capaci di esecuzioni complesse in costante movimento, è ogni volta una piacevole sorpresa: Il tutto sotto il segno di una splendida e libera anarchia, quella dei musicisti contro le classificazioni dei generi musicali, quella degli strumenti contro il ruolo di oggetti inanimati e quella di attori, non solo sul palco ma anche nella vita di tutti i giorni, contro una società che li vorrebbe sempre più ingabbiati in una lenta e inesorabile omologazione, privati del fuoco sacro della fantasia.

Sabato 16 Marzo, ore 21                                    
 Katia Beni e Anna Meacci/ La Città del Teatro – Fondazione Sipario Toscana Onlus

TICKET & TAC
Divagazioni in pillole semiserie su salute e benessere
con Katia Beni e Anna Meacci
uno spettacolo di Alessandro Bini, Katia Beni, Donatella Diamanti, Bruno Magrini, Anna Meacci
Prevendita da Lunedì 11 Marzo

Sabato 16 Marzo (ore 21) spazio alla comicità d’autore con le ‘divagazioni in pillole semiserie su salute e benessere’ proposte da Katia Beni eAnna Meacci in TICKET & TAC, spettacolo firmato a dieci mani da Alessandro Bini, Katia Beni, Donatella Diamanti, Bruno Magrini, Anna Meacci con la regia diCarmen Femiano.
“Una delle doti più importanti per chi soffre, è non perdere la capacità di ridere. Questa è una risorsa fondamentale nelle tragedie della vita: molto più della pietà e del dolore. È un dono...”.
Convinte sostenitrici di questa tesi, le due attrici toscane, molto amate dal pubblico, con il loro esilarante show faranno sorridere e riflettere sul grande tema della salute e del benessere, traendo ispirazione da divagazioni, letture, brevi racconti, storie vere, curiosità, statistiche, spunti critici, ma anche da testimonianze più intime: senza mai dimenticare che la cura ed il rispetto della sofferenza umana, sono al centro dei fondamentali diritti dell’umanità. Uno spettacolo interpretato con il talento e la comicità di cui le due artiste sono dotate: capace di coinvolgere il pubblico attraverso storie in cui ciascuno potrà riconoscere la propria esperienza o quelle delle persone a lui vicine. Puro divertimento, raffinata ironia, ma anche emozione e commossa solidarietà, sono gli stati d’animo che restano nel cuore di chi alla fine applaude con entusiasmo.

Domenica 21 Aprile, ore 21                                
Produzione energiEmergenti

GABER, IO E LE COSE
Un’idea di Maria Laura Baccarini e Elena Torre
testi di Giorgio Gaber e Sandro Luporini
con Maria Laura Baccarini e Regis Huby al violino  
Regia Maria Laura Baccarini e Elena Bono
Prevendita da Lunedì 14 Aprile
 

La stagione del Francini si chiude nel ricordo del grande Giorgio Gaber, di cui ricorre nel 2013 il decennale della scomparsa. Maria Laura Baccarini, star del musical, artista eclettica ed ironica(già ospite delle stagioni ATP con una serata dedicata a Cole Porter) presenta sabato 21 aprile (ore 21), il recital di teatro e musica, Gaber, io e le coseriproponendone i più grandi successi.
Con lei, sul palco, Régis Huby, brillante compositore e violinista, che cura anche tutti gli arrangiamenti e firma anche le musiche originali dello spettacolo con un impatto sonoro di grande ricchezza.
“Il titolo di questo spettacolo, Gaber, io e le cose, oltre a citare la mia canzone preferita, dice in sintesi quello che Gaber rappresenta per me… Attraverso le parole, scritte da lui insieme all’inseparabile Sandro Luporini, metto a nudo l’essere umano dei nostri tempi, il suo cuore, la sua identità persa e ritrovata analizzando in modo un po’ spietato lesue responsabilità … c’è la mia vita, la mia coscienza, la mia speranza… la fede nell’ ‘UOMO’ nonostante tutto… Nella bellissima canzone Il dilemmaparlando dell’uomo e della donna dice: ‘LUI parlava quasi sempre, di speranza e di paura come l’essenza della sua immagine futura E coltivava la sua smania, e cercava la verità LEI lo ascoltava in silenzio, LEI forse ce l’aveva già …’. Ecco perché credo che una voce “femminile” per le parole di Gaber sia lontano dall’essere un controsenso…
(Maria Laura Baccarini)

“A TEATRO CON LA SCUOLA!”

Per la sezione “A Teatro con la scuola!”, oltre allo spettacolo della Banda Osiris già citato (Fuori Tempo, 22 febbraio, ore 10,30), saranno ospiti del Teatro Francini altre tre compagnie, di solida professionalità, che hanno sviluppato la loro ricerca nel settore del teatro per l’infanzia attraverso linguaggi diversi: dalla multimedialità all’utilizzo di pupazzi, burattini, al teatro d’attore.

Lunedì 11 Febbraio ore 10,30                                     
Giallo Mare Minimal Teatro

C’ERA DUE VOLTE
Testo e regia Renzo Boldrini
con Renzo Boldrini
(Fascia d’età indicata 6 - 10 anni)

Con C’era due volte (11 febbraio, ore 10,30), scritto, diretto ed interpretato da Renzo Boldrini, Giallo Mare Minimal Teatro presenta il suo catalogo di storie liberamente ispirate ai Fratelli Grimm, Andersen, Emma Perodi, usando, in modo ‘poetico’, la tecnica della computer graphic videoproiettata per rafforzare l’evocazione dei personaggi e dei luoghi, in un gioco del teatro dal sapore molto contemporaneo.

Venerdì 22 Febbraio
Mismaonda                                             

FUORI TEMPO
di e con Banda Osiris
(Fascia d’età consigliata  11 - 14 anni)

Martedì 12 Marzo, ore 10
L’Asina sull’Isola

LA VERA STORIA DELLA NONNA DI CAPPUCCETTO ROSSO
Progetto artistico di Katarina Janoskova e Francesca Bettini
In scena Katarina Janoskova
Coreografia di Claudia Monti
Voce narrante di Olivia Molnar
Collaborazione artistica di Paolo Valli
Regia di Francesca Bettini
(Fascia d’età indicata 4 - 10 anni)

 La vera storia della nonna di Cappuccetto Rosso(12 marzo, ore 10,30) è proposta dalla compagnia L’Asina sull’Isola, con protagonista l’attrice Katarina Janoskova, (che ne cura anche il progetto assieme a Francesca Bettini, con la collaborazione artistica di Paolo Valli): una riproposizione della celebre fiaba, che invita a riflettere sul rapporto molto speciale che i bambini hanno con i nonni, nella loro identità di ‘eredità’ e ‘memoria’. Per il personaggio della nonna la compagnia si è ispirata alla figura della tedesca Lotte Reininger, una delle più celebri animatrici del teatro d’ombra e del cinema di animazione.

Venerdì 5 Aprile, ore 10
Pupi di Stac

LA BELLA ADDORMENTATA NEL BOSCO
di  Enrico Spinelli da Grimm e Perrault
Scene e burattini Roberta Socci
Musiche Enrico Spinelli
con Fiorella Cappelli, Patrizia Morini, Enrico Spinelli
(Fascia d’età consigliata  6 - 10 anni)

L’ultimo appuntamento, venerdì 5 aprile è con la storica compagnia di burattini di Firenze, Pupi di Stac, che presenta la nuova produzione LA BELLA ADDORMENTATA NELBOSCO, ispirata a Grimm e Perrault, di cui Enrico Spinelli, oltre a firmare testi e regia, è anche interprete con Fiorella Cappelli e Patrizia Morini; in scena i bei burattini di Roberta Socci.
Lo spettacolo è ambientato in un grande castello pieno di torri, terrazzi, spalti e stanze segrete, dove vivono il Re e la Regina con i loro servitori: Berto e Faustina, camerieri, la cuoca e lo stalliere, servi sciocchi, che assistono alla vicenda e interagiscono con il pubblico dei bambini sdrammatizzando le scene più paurose ed emozionanti.

Ufficio di riferimento: 

Cultura

Indirizzo: 

Via Garibaldi, 54 Serravalle Pistoiese (PT)

Orario: 

Dal Lunedì al Venerdì dalle 8.30 alle 13.00
Il Martedi pomeriggio, dalle 15.00 alle 17.00

Telefono: 
0573 917204
Fax: 
0573 51064
Responsabile: 
Istruttore Amministrativo
Daniele Benedetti
Telefono:
0573 917208