Mercoledì 27 gennaio 2021

SDS: Bando per l'erogazione di contributi economici per l'assistenza domiciliare indiretta (PROROGA scadenza al 16 gennaio 2015)

Versione stampabileInvia per emailVersione PDF
BADANTE

Bando per l'erogazione di contributi economici per l'assistenza domiciliare indiretta (tramite
assistenti familiari) a favore di anziani non autosufficienti
periodo Maggio 2014- 31 Dicembre 2015

 

N.B. Con determina n.3 del 29/12/2014 è stato disposto di prorogare i termini di presentazione delle domande, dal 15 dicembre 2014 al 16 gennaio 2015 ore 12.00.

 

ART. 1 – OGGETTO
1. Il presente bando, sulla base dei criteri stabiliti nella deliberazione dell'Assemblea della Società della
salute n. 2 del 17/03/2014, disciplina i requisiti ed i criteri di accesso al contributo per l'assistenza
domiciliare indiretta (tramite assistenti familiari) a favore di anziani non autosufficienti, finalizzati a
sostenere l’impegno delle famiglie nelle attività di cura ed assistenza, volte a favorire la permanenza a
domicilio dei propri familiari anziani ultrasessantacinquenni non autosufficienti.
2. In particolare, il suddetto contributo sostiene le funzioni assistenziali della famiglia che si avvale di
figure di assistenza regolarmente assunte (assistenti familiari), per l'assistenza nei confronti di persone
anziane non autosufficienti che presentino, di norma, disturbi cognitivo-comportamentali, in relazione
al particolare impegno che richiede l’assistenza di tali soggetti.
3. Tale intervento si inserisce nella rete integrata dei servizi sociosanitari a favore delle persone non
autosufficienti anziane di cui alla Legge Regionale n. 66/2008 e successive modifiche ed integrazioni
(s.m.i.) e rientra nelle prestazioni previste all’art.7 della citata legge.

ART. 2 – FINALITÁ
1. Il contributo di cui al presente bando si configura come una delle misure a sostegno della
domiciliarità ed è finalizzato a:
- sostenere l’impegno delle famiglie nell’attività di cura e assistenza verso familiari non autosufficienti, al
fine di assicurare prioritariamente la risposta domiciliare, facilitandone la permanenza nel proprio
ambiente di vita ed evitandone l’istituzionalizzazione;
- promuovere l’emersione dalla condizione di irregolarità del rapporto di lavoro dell’assistente familiare.

ART. 3 – DESTINATARI
...

PER IL TESTO COMPLETO DEL BANDO E IL MODULO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE VEDI ALLEGATO QUI SOTTO.